RACCONTO DI UN PASTORE DI TRANSUMANZA

di Pasquale Grella e Christian Kiferle

Nella Campagna Romana una pratica zootecnica, tipica della tradizione pastorale, era rappresentata dalla transumanza; attività oggi quasi scomparsa. Si trattava dello spostamento delle greggi dalla pianura alla montagna durante il periodo estivo, quando le pecore cominciavano a partorire in maniera scalare, dalle più anziane fino alle più giovani. Leggi tutto “RACCONTO DI UN PASTORE DI TRANSUMANZA”

Tour dei Monti Prenestini


Un tour tra le memorie dell’antica Preneste e villaggi di collina. I Monti Prenestini, situati nel tratto preappenninico laziale, accolgono paesini e borghi, nati intorno alla Via Prenestina, che mantengono ancora un forte legame con la tradizione. Lasciatevi incantare dai loro incredibili scorci, dove Natura e Architettura si fondono in un insieme indissolubile. Leggi tutto “Tour dei Monti Prenestini”

TORRE DI MEZZA VIA – Un tempo i romani sostavano a Torre di Mezza Via

di Fabio Depino

Ancora oggi la Torre di Mezza Via eretta come una sentinella, sembra sorvegliare il luogo in cui si diramano due strade di grande importanza per Roma, la via Tuscolana e la via Anagnina. La costruzione della torre risale al XIII sec. secondo Giovanni Maria De Rossi, mentre secondo Lorenzo Quilici al XII sec. Il nome richiama un ruolo di sosta per i viandanti che percorrevano la via Tuscolana tra Roma e Frascati (si trova cioè a metà strada) e risale secondo il De Rossi al XIV secolo (secondo Giuseppe Tomassetti al XVI sec). Leggi tutto “TORRE DI MEZZA VIA – Un tempo i romani sostavano a Torre di Mezza Via”

LA FATTORIA DI GREGNA

di Fabio Depino

La fattoria è ubicata sull’antico tracciato della via Latina, in corrispondenza del km 1650 della via Anagnina.
E’ costituita da un insieme di edifici di cui il più antico è quello meridionale, costruito sopra una cisterna romana a 2 piani. La cisterna di impianto rettangolare è della fine del II sec. d.C.; è a 2 piani in laterizio, fornita di grossi e alti speroni. Nel complesso è presente un’antica vasca alimentata dall’acquedotto rurale della Barbuta. Leggi tutto “LA FATTORIA DI GREGNA”

In tram ai Castelli, cent’anni fa

di Stefano Panella

Quella dei Castelli Romani fu una capillare rete tranviaria, il cui ruolo divenne essenziale nelle comunicazioni fra Roma e i diversi centri serviti, come pure nell’ambito del suburbio romano delimitato fra le vie Appia e Tuscolana. A scopo sperimentale, il 9 novembre 1903 venne attivata fuori porta S. Giovanni la prima tratta suburbana, lungo il breve percorso compreso fra il piazzale Appio e il vicolo delle cave (poi via delle cave). Leggi tutto “In tram ai Castelli, cent’anni fa”

Terra e democrazia nell’evoluzione civile delle popolazioni dei Castelli Romani dall’Unità alla Liberazione

di Ugo Mancini

I Castelli Romani non rappresentano un’estensione puramente geografica che raccoglie quasi algebricamente comuni più o meno distanti tra loro. L’ampio territorio che si estende a sud-est di Roma lungo la doppia dorsale della via Appia e della via Tuscolana ancora oggi presenta profondissime tracce di una cultura solidaristica e democratica che si è andata formando nel corso dell’Ottocento e del Novecento. Leggi tutto “Terra e democrazia nell’evoluzione civile delle popolazioni dei Castelli Romani dall’Unità alla Liberazione”

UNA REGIONE DELLO SPIRITO

di Renato Mammucari

Come bene ha scritto Luigi Devoti, il più prolifico, preparato e sensibile storico dei Castelli Romani – la “terra promessa” secondo la felice definizione del giornalista Francesco Saverio Kambo – le pur numerose pubblicazioni su questo “tema” devono, anziché frenare e scoraggiare, spingere ancor di più ad approfondire la conoscenza del territorio, dell’ambiente e dell’arte castellana, in quanto spesso e volentieri ci si è fermati al folclore e alle tradizioni, anch’esse in ogni caso degne di nota e considerazione, senza indagare a sufficienza la storia, l’arte, l’architettura e l’archeologia le cui pur numerose testimonianze, mai come in questo ambiente, sono veramente punte di un iceberg. Leggi tutto “UNA REGIONE DELLO SPIRITO”

NATURA E STORIA NEI CASTELLI ROMANI

 di Giammaria Maffi

“(Questi colli) s’incarnavano declinando in armoniose linee sinuose illuminate dalla prodigiosa chiarità dell’aria che sembra sul punto di volare verso il cielo(…)”. Nikolaj Vasiljevitch Gogol

Così calorosamente descriveva i Colli Albani il noto scrittore russo Gogol nel suo ricco epistolario dall’Italia, durante uno dei frequenti soggiorni che egli fece intorno al 1838 dalle parti di Albano e Genzano, in occasione del quale compose alcune pagine del celebre romanzo “Anime morte”. Leggi tutto “NATURA E STORIA NEI CASTELLI ROMANI”